logo

Fondazione Prada.Distillato d’arte in Largo Isarco.

Distillato d’arte.

In principio era una distilleria.Oggi è un complesso progetto architettonico nel quale  passato e futuro coesistono distintamente e reciprocamente.

Vecchio e nuovo, bianco e nero, aperto e chiuso.Questa coesistenza si percepisce da subito, non appena varcato l’ingresso da Largo Isarco,dove,alle strutture preesistenti si accostano prepotentemente le tre nuove costruzioni(Podium,cinema e Torre) e culmina con le sfavillanti pareti della Haunted House.Completamente rivestita in foglia oro, questa struttura, all’interno scarna, vuota,desolata, ospita installazioni e sculture degli artisti contemporaneiBourgeois e Gober,accomunati dall’intento di scavare nei lati piu’oscuri della psiche umana.

Sopra tutto si erge la Torre.

L’edificio,realizzato in cemento bianco,è alto 60 metri ed in ciascuno dei suoi nove piani ospita una mostra permanente di artisti come Jeff Koons eDamien Hirst.

La mia preferita è quella di Carsten Holler.Ti si spara davanti un paesaggio da “Alice in Wonderland” dopo aver percorso un corridoio totalmente al buio.

L’effetto di Gantembein Corridor è infatti di grande impatto emotivo.Ed è proprio sull’emotività che gioca questo luogo.Ogni volta ne esco diversa, con pensieri e sentimenti nuovi.

Avolte anche turbata, ma di certo mai delusa.

E’uno di quei posti che amo ed un motivo in più’ me lo ha dato il famoso ascensore della Torre totalmente rivestito in onice rosa retroilluminata.Una meraviglia e pure per pochi visto che per mesi poi non è stato più’ agibile.Sono stata fortunataSotto vedete una foto documentodell’evento..

E voi?C’è un posto che vi piace visitare più’ e più’ volte senza mai stancarvene?

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.